Orval

 

La fondazione dell’Abbazia Cistercense di Notre Dame d’Orval viene fatta risalire all’anno 1070, ad opera di monaci Benedettini provenienti dalla Calabria.

La leggenda narra che la Contessa Matilde di Canossa, in visita al monastero di Orval, perse il proprio anello nuziale mentre immergeva le mani in una sorgente all’interno del monastero.

Implorando la Vergine Maria perché glielo facesse ritrovare, vide una trota riemergere in superficie portando in bocca il prezioso anello.

Meravigliata la Contessa esclamò: “Questa è veramente una valle d’oro!”, nel tempo diventata “Orval”.

 

 

Oggi l’abbazia è rinomata per la vita spirituale dei monaci ma anche per la sua birra trappista.

Orval viene venduta con il solo scopo di supportare economicamente il monastero e per la realizzazione di opere di bene.

La birra è prodotta in quantità limitata, con l’obiettivo di essere sempre all’altezza delle aspettative per “le goût d’Orval”.

 

 

LA GAMMA

 

Slider
Tutte le news